21 novembre 2022
vini
/
montagna
Condividi il link su:

Cembra Cantina di Montagna rinasce con una nuova gamma di vini

Presentati gli ambasciatori del nuovo percorso di valorizzazione del territorio: tre bianchi, un rosso e il Trentodoc Oro Rosso

A quasi due anni dall’ingresso di Cantina La-Vis Valle di Cembra nella compagine sociale del consorzio Cavit, Cembra Cantina di montagna cambia marcia per intraprendere un’ulteriore evoluzione in direzione della qualità. Oggi, presso la sede della Cantina, a Cembra, è stata presentata la nuova gamma di vini nati per interpretare in modo ancora più fedele le peculiarità del territorio cembrano, i suoi suoli, il clima caratterizzato da forti escursioni termiche, l’altitudine. Qui, i vigneti sono curati con dedizione da generazioni di viticoltori e ricamati da oltre 700 km di muretti a secco. Le viti crescono tra i 500 e i 900 metri slm e affondano le radici nel porfido rosso che regala vini di grande personalità. Un territorio che ha la consapevolezza di avere tutti i numeri per far sentire sempre di più la sua voce nel panorama del vino italiano di alta qualità.

La nuova collezione di vini è caratterizzata da: Muller Thűrgau 2020, Chardonnay 2020, Riesling 2020, Pinot Nero 2019 e Trentodoc Oro Rosso di Chardonnay in purezza, nella versione Pas Dosè Riserva 2017.

Le uve destinate alla collezione Cembra Cantina di Montagna vengono severamente selezionate e poi trattate in cantina con la massima cura. Le parole d'ordine sono: precisione freschezza e delicatezza. Ma oltre alla vocazione del territorio c'è un grande eroico lavoro umano a supporto: nelle vigne con pendenze spesso estreme (anche al 40%) sono necessarie fino a 900-1000 ore di lavoro per ettaro all'anno (il triplo che nella pianura), un impegno che nasce da una passione autentica che anche è uno stile di vita.

“Il rilancio di Cembra – commenta Pietro Patton, presidente della Cantina La Vis Valle di Cembra – è un passo avanti importante per riconoscere il valore della viticoltura dei nostri soci che avranno così l'opportunità di vedere adeguatamente remunerato il proprio impegno per l'eccellenza delle produzioni. Un ringraziamento speciale va a Cvit e al team commerciale GLV che hanno messo a disposizione il loro know how per il raggiungimento di questo importante risultato”.

“A due anni dall’operazione che ha portato Cantina di La-Vis Valle di Cembra all'interno del consorzio Cavit – aggiunge Lorenzo Libera, presidente di Cavit – siamo lieti di aver contribuito attivamente al rilancio del marchio e della gamma Cembra Cantina di Montagna, fiore all'occhiello della produzione vitivinicola trentina. Le sinergie e le collaborazioni messe in campo hanno favorito la piena espressione delle produzioni di eccellenza che caratterizzano da sempre i frutti di questo importante territorio”.

“Questa gamma è una delle dimostrazioni – ha aggiunto Enrico Zanoni, direttore generale di Cavit – che anche la cooperazione sa produrre delle eccellenze”.  

“Alla base di questa nuova gamma – conclude l’enologo Stefano Rossi – c'è una profonda consapevolezza del valore del territorio: vogliamo valorizzare in maniera ancora più netta le peculiarità eterogenee delle nostre uve, da ricondurre alle altitudini, alla grande varietà di esposizioni e ai forti sbalzi termici tipici della valle, mentre la mineralità particolare che costituisce il filo conduttore della nostra collezione si deve a sottosuoli ricchi in primis di porfido, pietra rossa che da sempre rappresenta la ricchezza della valle”.